Aleksej Nikolaevic Tolstoj e gli esordi della fantascienza sovietica Vedi a schermo intero

Aleksej Nikolaevic Tolstoj e gli esordi della fantascienza sovietica

Daniela Marcantonio

Maggiori dettagli

ISBN: 978-88-7418-632-7

14,00 €

Costellazione Orione 63 | p.98 | ed. novembre 2011

La crescente nostalgia per la Russia porta A. N. Tolstoj alla ricerca di un nuovo genere letterario, che gli spiani la strada per il rientro nella sua amata Patria: così nascerà Aelita (e qualche anno dopo L'iperboloide dell'ingegnere Garin), dove il viaggio su Marte rappresenta una fuga dalla terra natia. Pertanto quando Los' (alter ego dell'autore) si definisce "fuggiasco e vigliacco" è l'autore stesso a formulare la sua autoaccusa per non essere riuscito a sopportare il peso della rivoluzione ed essere fuggito all'estero; infatti dirà Los': 
"È difficile staccarsi dalla Terra. È anche difficile staccarsi da casa. Dal villaggio vai verso la strada ferrata e dieci volte guardi indietro. L'izba, ricoperta di paglia, è il tuo luogo, a cui sei abituato."
Nonostante la fantascienza fosse per Tolstoj un genere letterario totalmente nuovo, la sua versatilità di scrittore e il suo stile energico e discorsivo, rendono le sue opere positive, piacevoli e cariche di una suspense non angosciante, proprio per questo Aelita e L'iperboloide dell'ingegnere Garin saranno destinati a rimanere alla base della tradizione della naucnaja fantastika fino alla fine degli anni sessanta.

L’autrice si è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne specializzandosi in letteratura russa e tedesca. Durante gli anni universitari, usufruendo di diverse borse di studio, ha potuto trascorrere periodi di studio in Russia e in Germania non solo per apprenderne la lingua e la cultura, ma soprattutto per approfondire le ricerche su autori poco conosciuti in Italia. Dopo la laurea si è trasferita a Berlino dove si è impegnata nella promozione della cultura italiana in Germania lavorando per l’Istituto Italiano di Cultura e per l’Universitá di Berlino, dove, alla facoltá di Scienze della Comunicazione e Linguistica Applicata, ha concluso un dottorato di ricerca. Attualmente continua il suo impegno nella mediazione culturale lavorando come docente di lingua italiana presso l’Universitá della Svizzera

Aleksej Nikolaevič Tolstoj (1883-1945) è conosciuto in Italia per il romanzo storico Petr pervyj (1930), rimasto incompleto, sul sovrano "riformatore". Non tradotti in lingua italiana e poco noti sono, invece, i due romanzi "utopico- fantascientifici": Aelita (1922) e Giperboloid inûenera Garina (L'iperboloide dell'ingegnere Garin, 1925), che costituiscono l'oggetto del presente lavoro. Rare sono, anche nel nostro paese, le monografie dedicate a questo scrittore. 
Ivan Bunin così descrive il conte Aleksej N. Tolstoj: 
"uomo mondano, sempre alla moda, conversatore allegro ed interessante, osservatore acuto e raffinato, dotato di uno spirito vasto e penetrante".
Tolstoj è, infatti, uno scrittore eclettico e versatile dallo stile energico e discorsivo. Durante gli anni di esilio volontario (1918 - 1923), vissuti tra Parigi e Berlino, assimila la science fiction (in voga negli anni '20 nell'Europa occidentale, ma ancor più in America), a cui riesce magistralmente a dare un'impronta personale, tanto da creare un genere letterario nuovo e complesso: la naučnaja fantastika. Ciò non deve stupire: la forte inclinazione dell'autore verso il "fantastico" è ben evidenziata in tutte le sue opere, dai racconti ai romanzi, dalle fiabe agli aneddoti. Infatti afferma Roger Calois che il fantastico nasce dalla fiaba, la fantascienza nasce dal fantastico.
Tolstoj sceglie, quindi, di ritornare in Unione Sovietica e di mettere la sua arte al servizio del regime; scelta, questa, che gli procurerà fama e ricchezza in Russia, ma impopolarità e critiche al di fuori di essa. Nasce il romanzo Aelita, classificato oggi come "fantascienza". Esso rappresenta il mezzo del suo rientro in Patria, l'accettazione senza riserve della situazione politica del Paese, il cambiamento del suo modo di scrivere, che sarà sempre più mirato al soddisfacimento delle esigenze del potere sovietico. Ben si adattano a questa nuova scelta di vita le parole, che in una lettera Majakovskij scrive a Gor'kij: 
"Il conformismo e la cortesia servile, l'attività di leccapiatti, leccarubli e ogni altro lecca, molti la chiamano «realismo sano». Anche noi siamo realisti, ma non col muso piegato in giù". Ma cosa spinge Tolstoj a tanto servilismo? è un comunista convinto o semplicemente un patriota sincero? Nell'impossibilità di dare risposte concrete a tali interrogativi, sono convinta che l'unica motivazione certa, che ha mosso le scelte dell'autore, rimane l'immenso amore per tutto ciò che è russo.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Aleksej Nikolaevic Tolstoj e gli esordi della fantascienza sovietica

Aleksej Nikolaevic Tolstoj e gli esordi della fantascienza sovietica

Daniela Marcantonio

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it