LA FIRMA D’ARTISTA NELMEDIOEVO. Il caso di Roberto, Ruggero e Nicodemo Vedi a schermo intero

LA FIRMA D’ARTISTA NELMEDIOEVO. Il caso di Roberto, Ruggero e Nicodemo

Giuseppe Ferrante

Maggiori dettagli

ISBN: 9788894995213

14,00 €

Costellazione Orione - Arte e Cinema - | p.127 | ed. dicembre 2018

Il periodo medievale è sostanzialmente privo di un genere letterario inteso come raccolta sistematica di informazioni paragonabile ad una letteratura artistica a vocazione storiografica: ne consegue che le sottoscrizioni, “vere e proprie fonti di prima mano”, sono i principali strumenti utilizzati per un’indagine comparativa tra il livello testuale e la dimensione storica ed artistica. Scopo di questa ricerca è fornire, attraverso l’analisi delle testimonianze -firme e tituli- autografe di una bottega di scultori di origine normanna attiva in Abruzzo nel XII secolo, spunti di riflessione sulla considerazione di cui godeva l’artifex medievale presso i suoi contemporanei e che esso stesso si attribuiva.

GIUSEPPE FERRANTE: classe 1982, residente a Lettomanoppello, si è laureato in Beni Culturali presso l’Università D’Annunzio di Chieti con una tesi in letteratura artistica e ha perfezionato gli studi con il master in Patrimonio Culturale ed Enogastronomia con un progetto di fruizione turistica per il borgo di Abbateggio. Collabora al premio nazionale di letteratura naturalistica “Parco Majella”, è guida turistica e socio dell’associazione Italia Medievale.

Premessa

Nell’approccio ad un qualsiasi tema riguardante la produzione artistica e la figura degli stessi artisti nel periodo medievale, è necessario tenere presente che i continui cambiamenti -soprattutto di natura economica- che si manifestarono tra il VI e il XVI secolo ebbero la loro diretta conseguenza nella definizione delle classi sociali; il concetto di arte, e dunque anche la condizione delle maestranze, vennero direttamente influenzati da tale complessa serie di fenomeni, rendendo impossibile una definizione univoca di “artista medievale” che valga per l’intero arco del millennio.
Il periodo tardo imperiale (III secolo d.C.) fu interessato da eventi drammatici, che, lentamente e progressivamente, provocarono l’erosione dell’Impero romano d’Occidente. Le strutture politiche, sociali, economiche, religiose e culturali vennero travolte dalle invasioni dei popoli barbarici, dalla crisi politica ed economica aggravata da calamità naturali e carestie, dalle ultime dispendiose persecuzioni che i pagani esercitarono nei confronti dei cristiani, che destabilizzarono ulteriormente una già precaria condizione sociale ed ebbero come esito ultimo quello di spianare definitivamente la strada alla nuova fede.
La portata di questi avvenimenti risultò eccezionale, tanto da avviare il tramonto definitivo dell’antichità classica inaugurando l’avvento di una nuova era, che ha ricevuto il nome di Medioevo.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

LA FIRMA D’ARTISTA NELMEDIOEVO. Il caso di Roberto, Ruggero e Nicodemo

LA FIRMA D’ARTISTA NELMEDIOEVO. Il caso di Roberto, Ruggero e Nicodemo

Giuseppe Ferrante

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via G. Matteotti, 19 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it