OTTO PER DUE di infinito, di amore Vedi a schermo intero

OTTO PER DUE di infinito, di amore

Alessandra Marcuccini e Roberto de Gregorio

Maggiori dettagli

ISBN: 9788894995176

12,00 €

Lettere 322 | p.88 | ed. ottobre 2018

“Oggi voglio essere terra d’inverno. Prendo un foglio bianco, una penna nera. Oggi, finalmente ti scrivo, come si scrive a chi di fogli e penne non se ne fa più nulla. E scusami se c’ho messo tanto, non avevo capito dove guardare.”


In copertina "Vernice" di Walter Angelici

Alessandra Marcuccini e Roberto de Gregorio, da sempre interpellati dal tempo e dalla relazione, là dove vita e morte si intrecciano, sino a divenire pensiero e parola.

ex voto

Poiché era buio e non riusciva a distinguere gli ex voto,
prese una candela dal candeliere delle offerte e l’avvicinò alla teca. Illuminato dalla luce fioca, un cuore d’argento annerito dal tempo con su incise due lettere.
Maiuscole. AR.
Che strano, pensò, perché non GR, Grazia Ricevuta?
Che cosa significava AR, che invece di una grazia si era ricevuto un amore? O erano forse le iniziali di due innamorati senza un tronco da incidere? Arthur Rimbaud?
Provò a fermare il flusso dei pensieri e spostò la candela verso destra, facendola scorrere lungo il vetro. Un
altro cuore, con un rassicurante PGR, e poi parti anatomiche in miniatura, braccia, mani, piedi, un orecchio.
Pensò all’ospedale delle bambole, al rapimento di Paul Getty.
Poi, improvviso, qualcosa di totalmente estraneo: una chiave, simile a quelle che aveva in tasca, bordata di
rosso e con un biglietto accanto: “Per redimere Laura”.
Allora si può appendere qui anche un oggetto comune, allora si può anche chiedere, non solo ringraziare.
Chissà se Laura si è redenta, chissà quale luogo quella chiave non apre più.
Frugò nelle tasche, ma oltre le chiavi solo il fazzoletto.
Frugò nei pensieri aperti senza trovare nulla per cui ringraziare e nulla da chiedere. Aprì la teca e appese il fazzoletto ad un chiodino libero. Sorrise, pensando che era stato il corpo a condurlo sin lì. La mente no, la
mente non sa quando e dove appendere un dolore.
Rimise la candela a posto, dopo averla spenta senza un perché.
Uscì con improvvisa fretta e inusitato senso di leggerezza.
Non pioveva più.
Scese verso il centro città, attraversò il ghetto ed arrivò sul molo.
Con il mare di fronte, ripensò per un istante a Laura, e la immaginò non redenta ma salva, con nuovi nomi ed altri numeri da chiamare.
Decise infine che AR altro non era che un avviso di ricevimento, un recapito andato a buon fine.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

OTTO PER DUE di infinito, di amore

OTTO PER DUE di infinito, di amore

Alessandra Marcuccini e Roberto de Gregorio

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via G. Matteotti, 19 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it