IL PUTTO CHE CAVALCÒ IL DRAGO Vedi a schermo intero

IL PUTTO CHE CAVALCÒ IL DRAGO

Erika Debelli

Maggiori dettagli

ISBN: 9788894995008

12,00 €

Costellazione Orione 122 | p.116 | ed. aprile 2018

la stanza della psicoterapia e i fogli da disegno durante le sedute ci accompagnano attraverso un percorso di psicoterapia infantile.
Disegno dopo disegno osserviamo i transiti emotivi in seduta, i personaggi del campo terapeutico, la creazione di un racconto condiviso. Trovano così progressivamente raffigurabilità elementi non pensati e non pensabili: attraverso i disegni si può iniziare dapprima a rappresentare, poi a dare pensabilità e infine ad
integrare aspetti che inizialmente erano negati o scissi, mentre le ingenti difese ossessive, le aride liste di nomi e misure utilizzati per ridurre l’accesso a quote non tollerabili di emotività, lasciano il posto alla storia.
Le narrazioni riempiono i fogli e la stanza, mentre il rimanere all’unisono e sulla stessa tonalità affettiva della terapeuta con il bambino, offrendogli un modello di relazione mentale da introiettare, favorisce una progressiva espansione della mente e della pensabilità, con inattese e importanti ricadute anche sull’intero equilibrio familiare.

Erika Debelli, Psicologa e Psicoterapeuta, esercita la libera professione presso il CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia di Torino, occupandosi di psicoterapia dell’età evolutiva e di psicoterapia dell’adulto. È socia aderente dell’Istituto di Psicoterapia Psicoanalitica di Torino, con cui collabora.

Michele Avigliano, Psicologo e Psicoterapeuta, è socio didatta dell’Istituto di Psicoterapia Psicoanalitica di Torino.

Presentazione
di Michele Avigliano

Con impegno professionalità e passione Erika Debelli sta lavorando ad un caso di un bambino con forti tratti ossessivi.
Dimostra di avere fatto senz’altro propri alcuni strumenti teorico-clinici fondamentali e caratterizzanti, come i concetti di contenitore-contenuto, di identificazione proiettiva, di funzione α, di rêverie, di trasformazione e altri ancora, utilizzandoli in modo fluente.
Utilizzando il codice del disegno, questo è prevalentemente il linguaggio del bambino, si ravvedono nel corso del tempo le trasformazioni che seguono una maggiore integrità dell’Io e una graduale uscita da elementi perturbanti che portano attraverso il lavoro clinico ad una dimensione di evoluzione e trasformazione del campo terapeutico con risultati sorprendenti
riguardo alla vitalità complessiva del trattamento e con naturalezza in un contesto concettuale coerente e collaudato.
Michele Avigliano

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

IL PUTTO CHE CAVALCÒ IL DRAGO

IL PUTTO CHE CAVALCÒ IL DRAGO

Erika Debelli

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it