Un bicchiere versato Vedi a schermo intero

Un bicchiere versato

Alessandro Mazzola

Maggiori dettagli

ISBN: 9788874189007

12,00 €

Lettere 270 | p.170 | ed. dicembre 2015

Un Bicchiere versato racconta la storia di due ragazzi, con vissuti diametralmente opposti.
Antonio, nato in una famiglia operaia e laureatosi lavorando e Mario, figlio di un eminente professore universitario, che trascorre una vita svogliata. Le vicende di questi due protagonisti corrono parallele, per incrociarsi e influenzarsi sul finale. Gli incontri, infatti, cambieranno il loro destino. Un racconto in cui s’intrecciano avventura, amore, amicizia e malaffare.
Narrato in prima persona, attraverso gli occhi dei suoi personaggi principali, Un Bicchiere versato parla di cambiamenti radicali che nascono nell’intimità, maturano e trasformano le esistenze dei protagonisti, portandoli verso una maggiore consapevolezza di sé e della vita.
Tutto, infatti, può rimanere uguale a se stesso o mutare attraverso un percorso che, seppur faticoso, porterà in un altro luogo, in un altro tempo: basta volerlo!
Allora muovi il primo passo, consapevole che anche un semplice racconto, a volte, ti può portare lontano.

Alessandro Mazzola, nato a Cuneo nel 1973, dove vive con la sua famiglia.
Da sempre appassionato di scrittura, è al suo primo romanzo.

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono figlio di un operaio e vivo in pieno centro periferia. È molto bello qui, dove il cielo è sempre grigio e gli alberelli costeggiano in fila indiana le strade, rigorosamente incastonati in marciapiedi di asfalto. È la natura, che puoi farci? Eppure mi manca la casa dove sono cresciuto. Ricordo ancora quella collina al di là della finestra, morbidamente ricurva e punteggiata da alberi e arbusti. E c’era un sentiero che lento lento saliva e ti invitava ad andare a vedere, a perderti in quel cinguettare primaverile e tiepido sole e piacevole brezza, così brezza da farti dimenticare d’incanto ogni problema, da farti scordare di esistere e di essere soltanto te stesso. Eh già, i ricordi. Così dolci da ucciderti! Ogni tanto però, mi piace lasciarmi andare, come barca trascinata dalla corrente. E così mi perdo in un dolce vagare. Toglietemi però una curiosità. È capitato anche a voi di smarrire il senso del tempo davanti a strani insetti che inscenano – tutti uguali – una curiosa danza fatta di antenne nere alzate, ronzii e ali che battono leggere e flautate da lasciarti senza fiato? Vi è mai successo di vibrare su note mai sentite prima, ma così vicine al cuore da giurare di averle appena canticchiate in una notte di zucchero filato e filante, inchiodato ad una luna travolgente e mozzafiato, appesa al centro del cielo? Sapete com’è, a volte mi sembra di essere un tantino strano! Comunque sono sempre io, Antonio e vivo in quaranta metri quadrati commerciali, in un condominio che si erge fitto tra tanti altri, proprio nel bel mezzo di un moderno quartiere di periferia, vicino al metrò. Che fortuna che c’ho, c’è pure il metrò! Comodo no? Trent’anni quasi (e non ho commesso alcun crimine!) passati a studiare e a mantenermi con l’impiego in uno dei tanti e tutti uguali block buster, ad affittare videocassette e sorrisi a più non posso, e corse in bicicletta e una birra qua e là, a discutere la sera tardi sul senso di tanta salita e sogni a non finire! E poi la laurea in ingegneria gestionale e quel giorno di festa tra sguardi di tenerezza e gloria, orgoglioso di un traguardo guadagnato centimetro per centimetro, sudato fino in fondo. La vita è mia, a portata di mano, pronta ad essere colta.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Un bicchiere versato

Un bicchiere versato

Alessandro Mazzola

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it