Questa notte vedrai Cassiopea... Avventure medievali tra crociate e Sindone Vedi a schermo intero

Questa notte vedrai Cassiopea... Avventure medievali tra crociate e Sindone

Claudio Cantore

Maggiori dettagli

ISBN: 9788874188970

14,50 €

Lettere 259 | p.236 | ed. marzo 2015

«PROTÉGÉ LE SUAIRE!».
Fu il grido lanciato da Everardo quando vide che i quindici cavalieri erano pronti alla partenza.
«AVEC NOTRE COEUR ET NOTRE SANGRE…»
risposero all’unisono i prescelti, a cavallo con la spada sguainata, appena fuori delle mura, mentre gli altri due gruppi si dirigevano verso nord, direzione ovvia per chi fuggiva ma anche per chi inseguiva, Ludovicus riuscì a convincere i suoi compagni per la direzione opposta: verso il sud.
Attraversarono il Bosforo per poi puntare in direzione d’Izmir. Un gruppo di templari sulle orme dell’armata crociata poteva sembrare alquanto strano; così decisero di lasciare l’abito sacro ben nascosto e travestirsi da mercanti. 

Imprenditore nel settore elettronico da alcuni anni ho colto la musa della scrittura, nel 2010 ho pubblicato un libro sulla storia di una figura risorgimentale “Maria Vittoria Duchessa Savoia Aosta” romanzando la sua storia legandola al territorio in cui è vissuta.
Il libro è stato regolarmente pubblicato e messo in distribuzione con il titolo “La Principessadiventata Regina” esaurendo la prima edizione.
Ho fatto una serie di serate di presentazione (circa 12) destando grande interesse intorno a questa figura.
Il libro ha venduto tutta la prima edizione, ma l’editore (La riflessione, Cagliari) ha chiuso la sua produzione.

E’ stato pubblicato un secondo romanzo, questa volta nel contesto attuale dal titolo “Non sparate al cuoco” che narra le vicende di un cuoco giramondo, una sorta di Forrest Gump che percorre le principali tappe degli anni 70 e 80, trovandosi a Buenos Aires alla ricerca di una cugina Desaparecidas e lì entra in contatto con la realtà i una argentina sanguinaria e repressiva.

 

La scrittura è un hobby che riesco a coltivare molto a tempo perso, ma con una discreta produzione.

Il Supplizio

«MALEDETTO SIA TU, PALMIERO Signore di Reanum! Tu, tutta la tua filiazione e tutti coloro che diverranno possessori del castrum o della piana. Su voi ricada la dannazione perenne. Si salveranno… si salveranno solo i puri di cuore, coloro che doneranno più di ciò che ricevono da questo feudo. Per tutti gli altri resteranno solo disgrazie, mestizie e lutti. Questo possedimento dovrà restare integro in memoria del gran sacrificio infertoci… per perpetuare e custodire il segreto che noi, oggi, ci porteremo appresso… per sempre!». A queste ultime parole del templare Ludovicus Capilli seguirono le fiamme appiccate dagli sgherri. Insieme al monaco, furono accusati d’eresia e condannati al rogo: quattro confratelli, sei contadini del luogo e quattro donne. Solo il fuoco purificatore aveva la forza dividere l’anima dal corpo, solo le fiamme potevano depurare la comunità e non era ammesso lo spargimento del sangue che portava alla morte; anche se tanto ne era stato versato sotto tortura. Era l’estate del 1221 e la sentenza non dette scampo: Eresia di gruppo. L’inquisitore, venuto da Roma, decise così; e così si stava attuando! Inquisizione significa indagine. La crociata contro gli Albigesi era troppo recente e ogni caso sospetto d’ortodossia catara doveva essere eliminato; la paura che la dottrina dei Poveri di Lione si diffondesse era troppo temuta dalla Chiesa. Un avvicinamento, tra i templari e gli Uomini Puri, era considerato fin troppo pericoloso, tuttavia i presenti sapevano che quell’emessa era una sentenza fasulla, un processo per estorcere una confessione. Nessuno ebbe il coraggio di contraddire, scoprendo poi che non era più possibile tornare indietro. L’inquisitore voleva che quello di Reanum fosse un sermo generalis, vale a dire un’ammissione pubblica d’eresia, invece divenne una penosa farsa con un altrettanto orrendo verdetto da scordare e cancellare. La sentenza finale che ne uscì fu: “In cospectu populi comburantur!” (Bruciateli di fronte al popolo!). Sulla spianata della Rivata, ove si trovava il crocevia per la via di Villiana con la strada di Djavën verso Ranverso fuori dell’abitato di Reanum, fu approntato un grosso palco. L’intera popolazione del luogo fu chiamata per procurare la legna e le sterpaglie. Quindici pali diritti suddivisi in tre gruppi puntavano verso il cielo e sotto vi erano delle fascine pronte per innescare i roghi. Cinque alla volta i condannati, torturati così tanto da essere irriconoscibili, furono trasportati con un carro dalla cascina templare fino a quel luogo; le prime vittime restarono legate tra loro, sul palco, per oltre un’ora ad attendere il supplizio. Con i confratelli Felicius, Ambroise, Goffredo e Ugo, Ludovicus fu posto al centro nella prima fila. Lui era il capo, si voleva che il popolo ne testimoniasse, senza ombra di sospetto, il supplizio e… l’espiazione o forse la confessione.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Questa notte vedrai Cassiopea... Avventure medievali tra crociate e Sindone

Questa notte vedrai Cassiopea... Avventure medievali tra crociate e Sindone

Claudio Cantore

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it