Il parroco degli invisibili Vedi a schermo intero

Il parroco degli invisibili

Fabio Arduini

Maggiori dettagli

ISBN: 978-88-7418-886-4

12,00 €

Lettere 262 | p. 140 | ed. settembre 2014

Don Lorenzo Stella è un parroco di frontiera o, come direbbe papa Francesco, di periferia. Giovanissimo, con un passato importante alle spalle, decide di mettersi a servizio degli altri in particolare degli ultimi o, per meglio dire, degli invisibili, che non fanno rumore ma che nel caos quotidiano della nostra umanità continuano a vivere ai margini delle povertà fisiche e interiori che la società impone. La criminalità organizzata ad opera di Sasà o Chiattòne, la magia nera di Floriana e gli esorcismi di padre Michele, la tossicodipendenza di Roberto e l’aborto di Alessia, la separazione dei genitori di Francesca, l’omosessualità di Luca e Daniele, gli anziani e i disabili, l’associazionismo laico, la rappresentazione della Passione e la festa parrocchiale della Madonna del Carmine, con la suggestiva processione in mare, sono alcune delle “periferie umane” in cui il parroco degli invisibili cercherà di far rinascere la speranza. Terracina e il suo popolo faranno da sfondo alla vicenda, testimoni di una bellezza e di una tradizione millenaria tutta da scoprire, raccontare, immortalare e… Vivere.
-Siate pastori con l’odore delle pecore- e proprio questo don Lorenzo imparerà a fare con i suoi parrocchiani: testimoniare il Signore con la propria vita, amandoli fino in fondo… Fino alla fine.

Fabio Arduini è nato il 07/04/1987, a Roma. Primo posto con il racconto Cassandra (Terracina Book Festival 2010), presente in Terracina Greatest Hits vol.1 e in Scorie, suo primo libro (2011, Prospettivaeditrice). Il vescovo Oldi - tra modello episcopale e attività pastorale - Terracina (1726-1749), 2012 Prospettivaeditrice, è il suo primo saggio di storia locale. Presente in Si Scrive Terracina vol.3 (Innuendo Editore, 2013), con una rilettura in dialetto terracinese del V canto dell’Inferno di Dante. Bella prof! (Prospettivaeditrice, 2013) è il suo terzo libro, presentato a Terracina, Fondi, Latina, Roma e al Salone Internazionale del Libro di Torino. È professore di Lettere presso gli Istituti Scolastici Paritari “Steve Jobs” di Latina. Il parroco degli invisibili è il suo quarto libro e il suo secondo romanzo.

PREFAZIONE

Dopo la lettura di questo libro mi corre l’obbligo di iniziare questa prefazione con una citazione che mi sembra coerente con la vita vissuta dal protagonista principale: don Lorenzo. È una frase celebre di Rabindranath Tagore:

“Dormivo e sognavo che la vita era Gioia. Mi svegliai e vidi che la vita non era che Servizio. Servii e compresi che nel Servizio c’era la Gioia!”

Rendere visibili gli Invisibili, è questo forse lo scopo di questo libro, ma forse, ancor di più, stimolare il pensiero e le coscienze a guardare dentro alcune questioni sociali e umane per troppo tempo ignorate. Questo ignorare ha portato all’indifferenza e l’indifferenza non fa vedere ciò che abbiamo sotto gli occhi, appunto gli invisibili. È meglio non vedere… Ma in questo contesto di cecità arriva un “piccolo” prete, il nuovo parroco, un uomo di Dio, a far luce. Ma a far luce non a chi è nel buio, ma a chi ha la presunzione di sentirsi nella luce, a chi ha l’arroganza di guardare alto per non vedere ciò che gli chiederebbe di inclinarsi: l’uomo, maschio o femmina che sia, immerso nella sua quotidianità, nei suoi problemi, nei suoi dubbi, nelle sue insicurezze. Don Lorenzo Stella, personaggio fantastico che scuote le coscienze, come questo libro, vuole dare luce alla santità nascosta, invisibile. Santità rivelata agli umili, ai miti, ai buoni di cuore, ai perseguitati, agli incompresi, agli esclusi. Sceglie di camminare accanto alle persone nel suo ministero, di farsi carico delle persone, di avere compassione dei più bisognosi così come si legge in quella storiella fantastica della parabola del Buon Samaritano. Non è necessariamente una lettura religiosa per religiosi e per credenti, ma può esserlo. È una lettura che si fa tutta di un fiato, ma che lascia un “retrogusto” da sperimentare, da la voglia di essere per gli altri e di essere con gli altri, tutti gli altri, a prescindere da chi sia l’altro. Riempie il cuore di tanta gioia. Si immagini quale gioia ha vissuto don Lorenzo dentro di sé facendosi strumento di Dio: testimoniare la presenza di Dio, essere portatore della “bellezza” di Dio e trasmettere l’amore di Dio che è già. Gli episodi raccontati catturano emotivamente, stimolano un percorso di introspezione e aiutano a riflettere sulle situazioni e sulle problematiche proposte. E chissà, potrebbe anche voler dire: “Va’, e anche tu fai lo stesso”. Una riflessione attenta sulle problematiche proposte, come dicevo, è uno degli scopi del libro: genitori separati, omosessualità, aborto, gli anziani… Un modo per entrare dentro le questioni, analizzandole da un punto di vista particolare, il punto di vista di un parroco giovane, vitale, entusiasta della sua scelta di dire “Sì” alla sua chiamata, la chiamata a essere un docile strumento nelle mani di Dio, senza disdegnare la forza, la decisione, l’assertività dell’Amore di Dio. Strumento che, dal momento in cui ha compiuto la sua opera, ritorna al Padre e, ne sono sicuro, viene accolto nella casa del Padre come un trionfatore, con una folla festante di santi che lo accoglie nel percorso che va, dal suo ingresso in fondo alla strada, fino alla piazza, nell’incontro con il Signore che lo abbraccia e lo accompagna dentro. La Santità può essere la tematica che si legge “tra le righe” di questo libro, forse l’ultima tematica tra quelle trattate, ma quella che le unisce tutte, il filo conduttore: il parroco degli invisibili che nella sua opera di Pastore di Anime ha fatto sperimentare, a chi lo ha incontrato, la bellezza dell’Amore di Dio. Ognuno di noi è fatto per cose grandi. Siamo invitati da don Lorenzo a scoprirle.

L’amico e il prof Mimmo De Rosa

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Il parroco degli invisibili

Il parroco degli invisibili

Fabio Arduini

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it