Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici Vedi a schermo intero

Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici

Claudia Covelli

Maggiori dettagli

ISBN 978-88-7418-406-4

12,00 €

Territori 19 | p.146 | ed. 2007

Da sempre annoverato tra i crimini più aberranti, l’omicidio non solo vanta una storia millenaria, ma nei secoli si è rivelato in grado di creare attorno a sé uno spettacolo capace di attirare lo sguardo del pubblico. L’uccisione, quindi, come spettacolo persecutorio che coinvolge la collettività, divenendo azione politica. Perché si uccide? E soprattutto, perché l’Uomo guarda il tremendo spettacolo dell’uccisione di un suo simile? Questo spettacolo della morte nel corso dei secoli ha assunto espressioni diverse: rappresentazione tragica nel teatro dell’antica Grecia, spettacolo di intrattenimento nei giochi dei gladiatori a Roma, strumento giudiziario nelle esecuzioni in piazza dell’Europa moderna, fino ad approdare alle molteplici forme della persecuzione del mondo contemporaneo. Qual è la sua funzione? Un piccolo saggio che, seguendo le linee interpretative suggerite da Elias Canetti e Renè Girard, non si propone di essere esaustivo, ma di aprire un luogo comune di dibattito su un tema senza dubbio attuale.

Sono nata a Milano il 21 aprile del 1980, da una famiglia di semplici impiegati. Ho frequentato le scuole primarie presso un istituto religioso privato, mentre ho conseguito il diploma di liceo classico presso il liceo statale Giuseppe Parini con un’ottima votazione. Mi sono, quindi, iscritta alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. Qui ho seguito per quattro anni con passione ed entusiasmo i corsi, indirizzando la mia preparazione verso gli studi di carattere storico e filosofico. Lo studio della storia e della filosofia attraverso “la lente” della scienza politica è stata, e continua ad essere, alla base della mia formazione culturale. Ho conseguito la laurea a pieni voti nel 2004 e, dopo qualche mese di indecisione sul mio futuro, ho deciso di continuare il mio percorso all’interno della facoltà iscrivendomi al biennio specialistico in Storia del mondo contemporaneo, benché fossi già in possesso della laurea quadriennale in Scienze politiche. Proseguire gli studi al di fuori della logica utilitaristica dell’“ottenere il titolo di dottore”, è stata un’esperienza molto intensa sotto il profilo culturale e, paradossalmente, del tutto inedita: dopo anni di studi vissuti da studente, ho affrontato questo biennio con una consapevolezza da studiosa. Nel luglio del 2006 ho conseguito con il massimo dei voti, la mia seconda laurea con una tesi dal titolo “Rina Fort e il massacro di via San Gregorio: donne e violenza nella cronaca nera dell’Italia del dopoguerra” nella quale mi sono occupata di ricostruire l’evento del ritorno della cronaca nera nell’immediato secondo dopoguerra, riuscendo in questo modo a tracciare una linea di continuità con la mia prima tesi di laurea d’impronta più filosofica, “Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici” pubblicata da Prospettiva Editrice nella primavera del 2007. 
Ho, quindi, preferito non arginare i miei interessi culturali all’ambito della carriera di studente e ho deciso di proseguire gli studi partecipando nell’ottobre del 2006 al concorso per il XXII ciclo del dottorato di ricerca in Storia della società e delle istituzioni dell’Europa contemporanea, promosso dal dipartimento di Storia delle istituzioni sociali e politiche della Facoltà di Scienze politiche, che ho vinto ottenendo una borsa di studio. La multidisciplinarietà che caratterizza gli studi storici all’interno della facoltà, mi ha consentito di presentare come progetto di ricerca, un tema ancora poco frequentato dagli storici: il crimine e lo spettacolo giudiziario quale fenomeno di massa dell’Italia democratica attraverso la narrazione dei grandi fatti di cronaca nera nel primo decennio dell’Italia repubblicana. Il progetto di ricerca copre un arco temporale di tre anni e prevedo di concluderlo per la fine del 2009.
Sempre all’interno dell’ambito accademico, sono amministratrice del portale www.lastoria.org, per il quale ho pubblicato alcuni articoli e ho gestito un seminario sul cinema come fonte storica. L’attenzione per le fonti, frutto dell’attività di media vecchi e nuovi, è alla base del mio lavoro di ricerca, nonché dei miei interessi storici. Alla passione per la storia si affianca, infatti, quella per il cinema che mi ha portato a seguire alcuni corsi a livello amatoriale, di sceneggiatura e critica cinematografica, promossi all’interno della mia città.

“Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici”. Da dove nasce l’interesse per un argomento così insolito? Secondo Benedetto Croce ogni storia è contemporanea, ossia ogni storia è frutto del presente e dalle problematiche del presente trae ispirazione. Non intendo scomodare Croce per spiegare la mia scelta di affrontare questo argomento, ma certamente il mio interesse nei confronti di questo tema nasce dall’essere a mia volta spettatrice, il più possibile attenta, dello spettacolo della nostra società attuale.

Quali sono, quindi, quegli aspetti della nostra società che l’hanno portata a concentrarsi sullo spettacolo dell’uccisione collettiva in un momento in cui tale spettacolo di fatto è arginato ad ambiti eccezionali. Il libro è stato scritto nel 2004, ossia prima dello spettacolo globale dell’impiccagione di Saddam Hussein. Certo questo evento non smentisce il fatto che lo spettacolo della condanna a morte di un individuo, nella società attuale rimanga uno spettacolo eccezionale, di cui spesso si è a conoscenza ma che raramente viene visto. Spettacolo che risulta ancora più raro se paragonato alla realtà delle esecuzioni pubbliche dell’età moderna! Mi sento tuttavia di aggiungere che in questi ultimissimi anni ci sono stati degli episodi interessanti sotto questo profilo, in occasione degli ultimi conflitti in Medio Oriente, come appunto l’impiccagione dell’ex rais o le orribili immagini del carcere di Abu Ghraib. Come sottolineo nel mio libro non è solo la morte a fare spettacolo (di immagini di morte è piena la nostra televisione e il nostro cinema), ma la persecuzione dell’individuo.

La spettacolarizzazione della persecuzione dell’individuo è quindi al centro dei suoi studi. In quali fenomeni della società contemporanea ritrova questo elemento? Nel mio libro parto dalla considerazione che a volte le società umane, anche sein contesti e situazioni completamente differenti, sono ricorse alla persecuzione collettiva del singolo per salvaguardare gli interessi, ma arriverei addirittura a parlare di vera e propria sopravvivenza, del gruppo sociale. Non nego che in questo libro, che non solo è la mia “opera prima” ma costituisce la prima tappa di un vero e proprio working in progress ancora in corso, non manchino delle suggestioni di carattere antropologico che mi hanno consentito una certa disinvoltura nel passare dai riti di fondazione delle società antiche, allo spettacolo della tragedia nella Grecia classica, dalle esecuzioni della Santa Inquisizione nei secoli della modernità, fino giungere alla nascita dello spettacolo giudiziario e alla secolarizzazione della giustizia fra società moderna e mondo contemporaneo. Quello su cui mi interessava, però, far luce era il tema della persecuzione collettiva, intesa come strumento di controllo sulla società e rigenerazione della medesima e vedere quale era, se c’era, l’eredità lasciata dai secoli precedenti, naturalmente in un’ottica di lungo periodo. Sono nata e abito nella città in cui nell’aprile del ’45 si è celebrato quello spettacolo di persecuzione collettiva, che ha costituito, almeno per una parte del paese, il rito fondativo della Repubblica Italiana.

E nella società attuale? Possiamo parlare di episodi di persecuzione collettiva? Il mio libro si conclude mettendo a fuoco le problematiche del mondo attuale. La società contemporanea è molto complessa e offre una varietà di episodi di persecuzione collettiva che spaziano dall’ambito politico a quello più intimo e privato. Per questo l’ultimo capitolo può apparire piuttosto caotico e invece che “chiudere” il discorso lo frammenta in una sorta di caleidoscopio di immagini diverse. Senz’altro, e su questo tema mi sto concentrando nei miei studi attuali, uno spettacolo di persecuzione collettiva presente nella nostra società di oggi è quello offerto quasi quotidianamente dalla cronaca nera e giudiziaria. Uno spettacolo quasi inedito per la società italiana, naturalmente ragionando sul medio e lungo periodo, un fenomeno particolarmente dinamico, che in pochi anni ha mostrato di essere estremamente innovativo, ad esempio sotto il profilo dell’uso dei media, ma anche a cavallo fra tradizione e modernità, a volte quasi avanguardia, per quanto riguarda i contenuti veicolati dagli stereotipi di cui si alimenta. Quasi un “termometro” di quello che è il dibattito sui valori morali della società, così come era per certi aspetti la tragedia nella Grecia classica. Un fenomeno interessante e complesso, dunque, ancora poco studiato sotto il profilo storico-politico.

Argomento insolito, per certi aspetti inedito, ma certamente non improvvisato. Quali sono i suoi riferimenti letterari? Sicuramente due classici come Massa e potere di Elias Canetti e La violenza e il sacro di André Girard. Il merito di avermi introdotto a questi studi è sicuramente di Roberto Escobar, delle cui opere e delle cui lezioni ho potuto “alimentarmi”. Sotto il profilo della ricerca storica, soprattutto per quanto riguarda l’età contemporanea, sulla quale continuo quotidianamente a lavorare, direi che più che avere dei riferimenti bibliografici specifici, attingo a quella nuova storiografica che partendo da Mosse arriva al Corpo del duce di Luzzatto, alle opere di Banti, Isnenghi, Gibelli. Insomma, quella storiografia che si occupa dell’immaginario della violenza nella società di massa.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici

Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici

Claudia Covelli

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via Terme di Traiano, 25 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it