Storia del giornalismo di guerra dal 1900 al 2008 Vedi a schermo intero

Storia del giornalismo di guerra dal 1900 al 2008

Marco Soggetto

Maggiori dettagli

ISBN: 978-88-7418-661-7

12,00 €

Territori 52 | p.248 | ed. 2010

Il Secolo Breve pare raccogliere la sfida lanciata dai conflitti ottocenteschi per raggiungere nuovi, inediti abissi di violenza e barbarie. Si registra la nascita di un giornalismo di guerra più professionale e "moderno", seguendo nel conflitto russo-giapponese le orme di Luigi Barzini.
Il racconto raggiunge ormai l'orlo del baratro, pronto a sprofondare nell'abisso violento della terribile guerra civile spagnola, preludio del secondo conflitto mondiale. Stampa di massa, censura ed autocensura, spettacolarizzazione della guerra ed agguerrita propaganda, sfruttamento delle nuove tecnologie di comunicazione: il mestiere del giornalista di guerra trascende ormai la mera testimonianza dal fronte, diventando la pedina avanzata di un complesso scontro propagandistico. Questi fenomeni rivivono, sempre mutevoli e tuttavia immancabili, nei grandi conflitti successivi: seguiamo gli operatori della stampa e della televisione nella giungla del Vietnam, nella foresta e lungo la costa dell'Angola di Ryszard Kapuscinski, sui rilievi montuosi dell'Afghanistan sovietico, talebano e post-talebano. Ecco infine la lunga guerra irachena, introdotta nel gennaio 1991 dalle eccezionali riprese di Peter Arnett e seguita, attraverso le pagine ed i dialoghi dei giornalisti, fino al 2008. Ma cosa spinge un giornalista a rischiare tanto, a grande distanza da casa, per raccontare lo scoppio di un conflitto? E quale sarà, in ultima analisi, la possibile evoluzione del giornalismo di guerra?

Nato a Biella nel 1983, Marco Soggetto si è laureato in Scienze Politiche nel 2006 presso l'Università degli Studi di Milano, conseguendo nel 2008 la Laurea specialistica presso la medesima Facoltà, con una tesi intitolata Voci di guerra. Storia del giornalismo di guerra dal 1856 al 2008. Questa tesi, pubblicata in due volumi da Prospettiva Editrice nell'estate 2010, ha ricevuto il voto di 110 e dignità di lode, ricostruendo per intero la storia degli inviati di guerra dalla Guerra di Crimea ai moderni conflitti degli anni 2008-2009, senza limitarsi ai soli teatri bellici europei.

Nel 2008, Marco Soggetto ha pubblicato il manuale Le Vette della Val d'Ayas, per L'Escursionista Editore (Rimini); nel 2009, il manuale Nuova Guida della Mountain Bike nel Biellese per Libreria Vittorio Giovannacci Editore (Biella). Dal 2004 è webmaster e curatore de Varasc.it, il primo sito interamente dedicato a 360° alla Val d'Ayas, dalla storia alla cultura, dall'alpinismo all'escursionismo, dalle tradizioni alle manifestazioni ed attività sportive.
Autore di svariati articoli e vincitore di alcuni premi letterari, Marco Soggetto lavora attualmente per la Fondazione Eni Enrico Mattei di Milano, nonché per l'Associazione ARGIS. Un quinto volume è attualmente in fase di revisione e stampa.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Scrivi il tuo commento

Storia del giornalismo di guerra dal 1900 al 2008

Storia del giornalismo di guerra dal 1900 al 2008

Marco Soggetto

Scrivi il tuo commento

Prospettiva editrice sas Via G. Matteotti, 19 | 00053 Civitavecchia (RM) | Italia | P.I. e C.F. 07322481008 | Tel: +39 076623598 | E-mail segreteria@prospettivaeditrice.it